Aspettami

“Aspettami!” Dico a Sara, mentre raccolgo i miei arnesi e cianfrusaglie e li butto nello zaino… “mando due mail e poi usciamo insieme!” Le due mail corrispondono a quasi due ore di lavoro accumulato nell’arco della settimana… di fatto Sara mi aspetta nel suo tubino di lana e cappotto che le danno un’aria da berlinese festaiola degli anni 30! Mi aspetta. Abbiamo deciso di passare insieme il nostro San Valentino. Insieme ad Elisa e Marco. Siamo andati nella trattoria più meridionale di NOLO e abbiamo ordinato tutto. Come al solito, per poi tornare a casa con una doggie bag utile a sfamare una comunità intera di bambini somali. Siamo felici. Insieme. Da anni. Ridiamo, bulimici di racconti e gossip artisticosindacalienonsense fino a sfiorare la molestia nei confronti del resto del mondo. È una felicità nostra. Che ci siamo guadagnati a suon di dolore e tempo e paura. Ora è nostra. Ora è chiara e non fa più paura. Siamo persone oltre che un collettivo di artisti. Abbiamo affermato con convinzione il nostro integrale disallineamento, la nostra totale diversità nel modo di pensare e agire eppure, ci siamo aspettati. Abbiamo aspettato che passasse il dolore, che sbollisse la rabbia, che snebbiasse l’apatia, che si raffreddasse la gelosia… abbiamo aspettato che passasse l’amore sbagliato, il momento sbagliato, il posto sbagliato. Noi non siamo scappati, non abbiamo evitato lo scontro, non abbiamo mai finto di essere quello che non siamo. Ci siamo semplicemente aspettati attraversandolo questo cazzo di disallineamento fino a dargli il suo probabile nome: famiglia.

Annunci